Cos'è il Lending Crowdfunding

Introduzione e Definizione: il Lending Crowdfunding

Avete già sentito parlare di “lending crowdfunding”?
Magari avete sentito qualcuno pronunciare questo nome ma non avete prestato molta attenzione. È uno dei mercati emergenti negli Stati Uniti. Sta muovendo i primi passi con successo anche in Italia.

Di cosa si tratta? Semplice, almeno a parole: il lending crowdfunding consiste nel mettere in contatto, tramite un portale web, soggetti che vogliono erogare prestiti con soggetti che hanno bisogno di prestiti. E tutto al di fuori dell’attività bancaria classica.
Il modello di business del portale è quindi di intermediazione. Poiché l’operatore non presta denaro proprio.
Sono i privati ad investire i loro risparmi, diventando creditori della società che ha proposto l’operazione. Questo vuol dire che gli investitori non parteciperanno al rischio imprenditoriale legato all’operazione. Semplicemente finanzieranno, con il loro denaro, una parte del progetto proposto sulla piattaforma.

La Crescita e il fenomeno della Crowd Economy

Perché è interessante? Per un motivo molto accattivante: il fenomeno è cresciuto rapidamente. Con tassi molto alti a livello internazionale sull’onda della crowd-economy. Inoltre ha dato luogo a numerosi casi di eccellenza in economie particolarmente sviluppate. 

Negli Stati Uniti, dove è nato, il leader di mercato ha cifre di tutto rispetto.  Lending Club, infatti, è stato quotato in borsa per un valore di circa 8 miliardi di dollari. I suoi servizi sono richiesti anche dalle banche. Infatti le sue modalità di allocazione dei prestiti e i suoi strumenti di calcolo del rischio sono più efficienti di quelli delle banche stesse. Si stima che le banche rappresentino circa il 50% degli investitori della piattaforma. 

In effetti, uno dei maggiori vantaggi offerti è la possibilità di creare portafogli o di suddividere un investimento in una molteplicità di singoli prestiti. Frazionando così il rischio di default dei riceventi. 

Il Lending Crowdfunding in Italia

E in Italia? Si tratta di una attività imprenditoriale che nel nostro Paese è letteralmente esplosa nel 2019. Numerosi gli operatori che sono entrati nel mercato. Di conseguenza anche il giro d’affari è cresciuto. Alcuni esperti prevedono crescite anche per i prossimi anni.

Ma non suscita interesse solo per i numeri decisamente positivi. Vi sono altre motivazioni, ad esempio i vantaggi che può offrire agli investitori. È possibile infatti diversificare i propri risparmi in modo facile grazie alle basse cifre di accesso ai progetti. Tutta la gestione dell’operazione immobiliare viene curata dai proponenti. Chi investe non è costretto a completare nessuna procedura o attività legata alla gestione dell’immobile.

Facile vero?

Quali considerazioni bisognerebbe fare prima di Investire? Leggi a riguardo questo articolo di approfondimento.